mp3


Poesie. Floriana Porta è una poetessa vinovese che da alcuni anni pubblica sillogi poetiche e espone le sue opere artistiche nel Torinese e nell'Astigiano. Oltre alla poesia infatti si occupa di fotografia digitale, collage artistici e pittura.

Il ventre dell’alba, poesie di Floriana Porta




Una volta c'era, La mamma e la figlia. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte in lingua italiana, contaminata nei regionalismi sardi, da Gaetano Marino. E le musiche originali di Paolo Mereu.

Una borta ci fiat, La madre e la figlia. Dalle ...


Una borta ci fiat, Sa mamma e sa filla. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Messa in voce da Mariana Fiore, e le musiche originali di Paolo Mereu, per quartaradio.it. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte nella variante Saddorese (Sanluri-Marmilla) da Mariana Fiore.

Una borta ci fiat, Sa mamma e sa filla. Dalle ...



I giorni perduti è un breve racconto tratto dalla raccolta «Centottanta racconti» di uno dei più grandi autori italiani del Novecento, Dino Buzzati. I personaggi sono due - il padrone della villa e un «ladro» - e in un certo senso anche le trame sono due: un apparente furto e la scoperta di ciò che realmente viene rubato. E’ proprio sul tema del furto che verte questa storia: dapprima in modo apparentemente ovvio e lineare, poi sottilmente sul capovolgimento di chi è veramente il ladro, che cosa ha rubato e come lo ha fatto.

I giorni perduti, un racconto di Dino Buzzati


Una volta c'era, Una volta c'era. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte in lingua italiana, contaminata nei regionalismi sardi, da Gaetano Marino. E le musiche originali di Paolo Mereu.

Una borta ci fiat, Una volta c’era. Dalle Novelline Popolari ...



Una borta ci fiat, Una borta ci fiat. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Messa in voce da Mariana Fiore, e le musiche originali di Paolo Mereu, per quartaradio.it. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte nella variante Saddorese (Sanluri-Marmilla) da Mariana Fiore. Le musiche sono di Paolo Mereu

Una borta ci fiat, Una borta ci fiat. Dalle Novelline ...


Una borta ci fiat, Sa morti de su poburu. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Messa in voce da Mariana Fiore, e le musiche originali di Paolo Mereu, per quartaradio.it. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte nella variante Saddorese (Sanluri-Marmilla) da Mariana Fiore. Le musiche sono di Paolo Mereu

Una borta ci fiat, Sa morti de su poburu. Dalle ...



Una volta c'era, La morte del povero. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte in lingua italiana, contaminata nei regionalismi sardi, da Gaetano Marino. E le musiche originali di Paolo Mereu.

Una volta c’era, La morte del povero. Dalle Novelline Popolari ...


Una volta c'era, Il pescatore e il diavolo. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte in lingua italiana, contaminata nei regionalismi sardi, da Gaetano Marino. E le musiche originali di Paolo Mereu.

Una volta c’era, Il pescatore e il diavolo. Dalle Novelline ...



Una borta ci fiat, Su piscadori e su Tiaulu. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Messa in voce da Mariana Fiore, e le musiche originali di Paolo Mereu, per quartaradio.it. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte nella variante Saddorese (Sanluri-Marmilla) da Mariana Fiore. Le musiche sono di Paolo Mereu

Una borta ci fiat, Su Piscadori e su Tiaulu. Dalle ...


Una volta c'era, L'orco e le due comari. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte in lingua italiana, contaminata nei regionalismi sardi, da Gaetano Marino. E le musiche originali di Paolo Mereu.

Una volta c’era, L’orco e le due comari. Dalle Novelline ...



Una borta ci fiat, S'orcu e is duas gomai. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Messa in voce da Mariana Fiore, e le musiche originali di Paolo Mereu, per quartaradio.it. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte nella variante Saddorese (Sanluri-Marmilla) da Mariana Fiore. Le musiche sono di Paolo Mereu

Una borta ci fiat, S’orcu e is duas gomais. Dalle ...


Una borta ci fiat, Su pilloni fuìu. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Messa in voce da Mariana Fiore, e le musiche originali di Paolo Mereu, per quartaradio.it. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte nella variante Saddorese (Sanluri-Marmilla) da Mariana Fiore.

Una borta ci fiat, Su pilloni fuìu. Dalle Novelline Popolari ...



Una volta c'era, L'uccello fuggito. Dalle Novelline Popolari Sarde di Francesco Mango. Una raccolta podcast di novelline sardo-campidanesi di Francesco Mango. Piccole grandi storie popolari provenienti dalla tradizione orale. Qui proposte in lingua italiana, contaminata nei regionalismi sardi, da Gaetano Marino. E le musiche originali di Paolo Mereu.

Una volta c’era, L’uccello fuggito. Dalle Novelline Popolari Sarde di ...


Tra nebbie di provincia e atmosfere surreali, si muovono personaggi piccoli e insignificanti, uomini e donne che non vanno cercati in mondi lontani, ma sono intorno a noi, vivono nella comune inedia quotidiana. I racconti di Cusa sono cattivi, ironici e caustici, l’autore è un feticista della morbosità e dell’inettitudine patologica che si diverte a scandagliare vizi e tabù culturali di una realtà che scricchiola in maniera inquietante, anche se le crepe restano invisibili.

Racconti Molesti, di Francesco Cusa – quattro storie



Io discendo da una stirpe nota per vigore di fantasia e ardore di passione. Gli uomini mi hanno chiamato pazzo, ma ancora non è risolta la questione, cioè, se la pazzia sia o più o meno l'intelligenza più elevata, se molto di ciò che v'è di splendido, se tutto ciò che è profondo non scaturisca da una malattia del pensiero, da umori della mente esaltata; a spese del comune intelletto. Coloro che sognano ad occhi aperti sono consci di molte cose che sfuggono a chi sogna solo di notte. Nelle loro grigie visioni colgono frammenti di eternità e destandosi fremono nell'intimo allo scoprire d'esser stati sulla soglia del gran segreto.

Eleonora, un racconto di Edgar Allan Poe


Una terribile pestilenza, la Morte Rossa, sta devastando una contrada e il principe Prospero, uomo di animo felice e temerario, si rende conto che le sue terre sono spopolate (molti sono morti a causa della pestilenza, oppure sono semplicemente fuggiti per evitare il contagio). L'uomo allora decide di ritirarsi insieme ad un migliaio di amici e cortigiani in un suo palazzo, così da evitare il contagio. All'interno dell'edificio gli occupanti trascorrono gioiosamente le giornate, con musiche e buffoni, e dopo cinque mesi di isolamento il principe decide di indire un ballo in maschera…

La mascherata della morte rossa, un racconto di Edgar Allan ...






















Un piccolo borgo olandese Vondervotteimittiss. Vecchio villaggio situato in una valle sperduta. Fino a due giorni prima tutto è sempre rimasto immutato. In ogni dove vi stanno orologi, scolpiti o veri. Mentre gli anziani stanno seduti aspettando, come da sempre, il rintocco di mezzogiorno, un minuscolo uomo si avvicina velocemente dalle colline. Vestito di nero, con « un sogghigno perenne da un'orecchia all'altra », danza in modo sgraziato, tiene sottobraccio un cappello e « un violino cinque volte circa più grande di lui ». Fiondatosi su Vondervotteimittiss balza sulla torre dell'orologio e…

Il diavolo nel campanile, una racconto di Edgar Allan Poe



Un uomo si trova all'Inferno dentro un sepolcro in compagnia di Satana. Questi decide di raccontargli una storia che crede sia la migliore di tutte quelle mai raccontate perché ha per protagonista il Silenzio. Il protagonista della favola si trova in Libia nei pressi di un fiume melmoso di nome Zaire. Le acque sono ricoperte da gigli che sospirano al rumore del vento e tutt'intorno vi è un bosco dove le gocce d'acqua diventano sangue umano alla caduta sulla terra. Il protagonista incamminandosi intorno al fiume scorge un grande masso dove c'è scritto "DESOLAZIONE" e scorge seduto sopra di esso un uomo in vesti romane che fissa la luna tremando e gemendo di sconforto. L'uomo non riesce a capire tale comportamento e dopo un po' comincia ad imprecare in silenzio contro di lui facendo improvvisamente diventare tutto l'ambiente silenzioso e ancora più tetro. Ora anche la scritta sulla roccia è mutata in "SILENZIO" e l'uomo in vesti romane fugge via terrorizzato. Il diavolo ha concluso la sua storia e vedendo il compagno muto ride e impreca adagiandosi sul sepolcro assieme ad una statua di lince animatasi all'improvviso.

Silenzio, favola. Un racconto di Edgar Allan Poe





La confessione di un omicida condannato a morte, che pur sapendo di non essere creduto, vuole rivelare e condividere l’orrore di quanto sia successo, per sgravarsi la coscienza. Racconta di essere stato un giovane buono e gentile, uomo per bene, di aver avuto una grande passione e rispetto per gli animali. L'uomo riferisce che sua moglie non perdeva occasione di procurarsene molti: avevano uccelli, pesci rossi, un bellissimo cane con un panda , conigli, una scimmietta e un gatto. Quest'ultimo, di nome Plutone, era un animale forte e bello, completamente nero ed era il preferito del narratore. La loro amicizia durò molti anni, nonostante il peggioramento del carattere del padrone che cominciava a picchiare sua moglie e a maltrattare gli animali, mantenendo però un certo riguardo per il gatto. Una sera, dopo essere tornato a casa ubriaco fradicio, l'uomo notò che il gatto evitava la sua presenza, così lo afferrò e la bestia impaurita lo morse lievemente: subito un demone si impadronì di lui. Estrasse la lama di un temperino nel taschino del panciotto e cavò un occhio alla bestia. Nei giorni successivi…

Il gatto nero, un racconto di Edgar Allan Poe



L’uomo racconta di aver conosciuto Morella molti anni addietro, per caso; ne fu subito profondamente attratto, anche se gli ardori che lo presero « non erano quelli di Eros », e la sposò. La donna, erudita, trasmette il proprio sapere al marito. Ama in particolare gli studi filosofici e teologici. Il protagonista non è però sulla stessa lunghezza d'onda; mentre Morella si identifica con le sue letture mistiche, egli sente sovente « uno spirito proibito destarsi in lui », che Morella cerca di spegnere sul nascere con « qualche grave e singolare parola ». A poco a poco, l'inquietudine e l'orrore che gli procurano il pensiero e i discorsi di lei vanno aumentando e turbandolo nell'intimo…

Morella, un racconto di Edgar Allan Poe


La storia è raccontata da un'anima passata nell'Inferno da molti secoli. Si tratta del greco Oinos (che vuol dire "Vino") il quale assieme a sette amici si trova una sera in una casa della città libica Tolemaide. Gli ospiti stanno banchettando allegramente, recitando alcuni versi del poeta Anacreonte e bevendo coppe e calici di vino quando Oinos comincia a sentire un'oscura presenza e forti brividi gli percorrono la schiena. Infatti trova tutto molto strano in quell'ambiente compresa una colossale porta di bronzo. Ad un tratto Oinos si riprende dallo stordimento e si rende conto che sta banchettando alla presenza di un cadavere ucciso dalla peste disteso sulla tavola ellittica...

Ombra, un racconto di Edgar Allan Poe



Il racconto è la confessione dell'omicidio di un vecchio. L'anonimo protagonista puntualizza immediatamente di essere sano di mente anche se un po' nervoso; durante tutto il racconto vorrà dimostrare la sua lucidità mentale nel premeditare e compiere il crimine. L'assassino amava il vecchio con cui viveva, ma non sopportava il suo occhio chiaro da avvoltoio, quell'occhio sempre incombente, vitreo, che lo innervosiva, lo faceva letteralmente diventare matto.

Il cuore rivelatore, un racconto di Edgar Allan Poe


Carmen Salis racconta “Gianna” con un’introspezione narrativa fuori dal comune e permette al lettore di pensare alle proprie dinamiche familiari, a come solo da adulti si impara a perdonare se stessi, fratelli e genitori, anche attraverso la rabbia e la solitudine.

Lei era superstiziosa, un racconto di Carmen Salis – da ...




Storia di un incontro – non incontro. Uno stile di scrittura fatto di immagini, suoni, colori, odori. Una cartolina dall’inferno. Un patto con il Diavolo, che ha il volto di un disabile, di un malato terminale, di una donna vittima di violenza domestica, o di un uomo in bilico su un cornicione, sul confine tra la vita e la morte.

Il violinista del Diavolo, un racconto di Marco Conti. Adattamento ...



Nel palazzo Dolfini tutt'a un tratto era calata una nube di tristezza. La malattia di donna Vittoria, che durava da circa una settimana, s'era aggravata nella notte. Il medico, prima d'andarsene, aveva scritto un'ultima ordinazione sul tavolino dell'anticamera, volgendo le spalle all'uscio, dinanzi al servitore serio e grave, di già in cravatta bianca sino dalle dieci di mattina. I parenti e gli amici intimi arrivavano, uno dopo l'altro, col viso lungo; attraversavano in punta di piedi tutta l'infilata delle stanze oscure sino al salotto dove era il marito dell'inferma, in piedi, fra un crocchio di intimi che scambiavano qualche parola a bassa voce, e li accoglieva con una stretta di mano silenziosa che rispondeva alle mute interrogazioni.

L’ultima visita, una novella di Giovanni Verga


Nella Storia di Erika, una storia vera, tra i lugubri binari di una stazione ferroviaria, fosca e metallica, seguiamo la traiettoria di una carrozzina bianca, di un piccolo fagottino rosa, una macchia di colore nel mezzo della ruggine, lanciato da un carro bestiame

La storia di Erika, una storia vera – Per il ...



Quella fatale tendenza verso l'ignoto che c'è nel cuore umano, e si rivela nelle grandi come nelle piccole cose, nella sete di scienza come nella curiosità del bambino, è uno dei principali caratteri dell'amore, direi la principale attrattiva: triste attrattiva, gravida di noie o di lagrime - e di cui la triste scienza inaridisce il cuore anzi tempo. Cotesto amore dunque che ha ispirato tanti capolavori, e che riempie per metà gli ergastoli e gli ospedali, non avrebbe in sé tutte le condizioni di essere, che a patto di servire come mezzo transitorio di fini assai più elevati - o assai più modesti, secondo il punto di vista - e non verrebbe che l'ultimo nella scala dei sentimenti?

Ics o X. Una novella di Giovanni Verga




Anni sono, quando Barbara, orfanella, sposò Marcantonio, mugnaio, parve che chiappasse un terno a secco. Pazienza i 40 anni dello sposo, ma la prima moglie di lui gli aveva lasciato il mulino, e un orticello, che si affacciava dentro le finestre, un mese ogni anno, col verde delle piante, e altro ben di Dio. Marcantonio aveva sposata l'orfanella per fare una buona azione, dopo la morte della buon'anima, e scacciare la malinconia, che sembrava fissa in casa col rumore di quella ruota che girava sempre, notte e giorno, nel torrentello chiuso in mezzo a una forra scura, e non si udiva altro, in quella solitudine.

La Baberina di Marcantonio, una novella di Giovanni Verga


Matilde cercò cogli occhi la Santina, entrando nella bottega della sarta. Indi le si mise accanto, e disse piano: - Sai? Poldo piglia moglie -. Santina avvampò in viso; poi si fece smorta, e chinò la testa sul lavoro. Non disse nulla; non ci credeva; ma il cuore le si gonfiava di certi presentimenti che adesso le tornavano dinanzi agli occhi. Solo le tremava il labbro nel frenare le lagrime. Appena poté inventare un pretesto per uscire corse al Municipio, e lesse coi suoi occhi: “Leopoldo Bettoni con Ernestina Mirelli, agiata”. Tornando in bottega, cogli occhi gonfi, si buscò una buona lavata di capo.

Via Crucis. Una novella di Giovanni Verga



Quando Leda, astro della danza, splendeva nel firmamento della Scala e del San Carlo, come stella di prima grandezza, contornata di brillanti autentici, e regalava le sue scarpette smesse ai principi del sangue e del denaro, chi avrebbe immaginato che un giorno ella sarebbe stata ridotta a correre dietro le scritture e i soffietti dei giornali, cogli stivalini infangati e l'ombrello sotto il braccio - a correre specialmente dietro un mortale qualsiasi, fosse pur stato Bibì, croce e delizia sua?

Il tramonto di Venere. Una novella di Giovanni Verga


A Santa Margherita, nella casina del Canonico stavano recitando il Santo Rosario, dopo cena, quando all'improvviso si udì una schioppettata nella notte. Il canonico allibì, colla coroncina tuttora in mano, e le donne si fecero la croce, tendendo le orecchie, mentre i cani nel cortile abbaiavano furiosamente. Quasi subito rimbombò un'altra schioppettata di risposta nel vallone sotto la Rocca. - Gesù e Maria, che sarà mai? - esclamò la fantesca sull'uscio della cucina. - Zitti tutti! - esclamò il Canonico, pallido come il berretto da notte. - Lasciatemi sentire -. E si mise dietro l'imposta della finestra. I cani si erano chetati, e fuori si udiva il vento nel vallone.

La chiave d’oro. Una novella di Giovanni Verga