cagliari


L’immagine che ho della festa per il mio diploma è una tovaglia di fiandra rosa, un vaso di fiori al centro e dei dolci disposti intorno. E che diploma 60/60! Poi silenzio, mezze frasi, discussioni, era il momento della scelta. - Ma, io voglio fare architettura, si è iscritta anche Rita a Firenze. - Cosa? A Firenze? Tanto è niente! No... no... che non ti passi neanche in testa! - Perchè? E allora vado a Cagliari, ma lì non c’è architettura!” - Adesso mi mancava anche questo pensiero! Bovò....ma la stai sentendo tua figlia? No...no, non vai da nessuna parte.

Dalla piccola alla grande città. Un racconto di Francesca Branca


S’ammentu ch’appo de sa ‘esta de su diploma est una tiazza e viandra colore e rosa, unu vasu e frores in mesu a sa mesa e durches postos a intundu. E arrazza e diploma, 60/60! Appustisi....paraulas a mesu oche e paraulas a boches. Fidi su mementu e seperare: - Mama! zeo cherzo istudiare Architettura, si ch’este sinzà inta Rita, a Firenze. - Ite? A Firenze? Za diad’esse nudda! Nono, nono, non t’inde colede manch’in conca! - Puite? E tando jeo ando a Casteddu...ma inie non b’este Architettura! - Como cherìo cuss’atteru pessamentu! Bovò....intendende la sese a fizza tua? Nono,nono, no andasa a neddue. Babbu mi pompiada - Ja nd’allegamus, bidimusu, non bi chere presse a disinnare! Mama istada inghiriande a die die chin cust’oriolu. S’appresiada e si mi parada in dainnantisi, frimma commente unu crastu: - Sas ancas are truncau! Pare ca la ido, sola, in custu locu! Veramente, non b’ade periculos a dier dose. [...]

Dae sa zittade minore a sa manna. Un racconto ...



Scontro aperto fra sport e cultura, fra la gloria del fisico e quella della mente. Il duello vede Vanni Visco, intelletto sensibile destinato dalla famiglia ai campi di calcio, solo contro la massa di sportivi e tifosi. Per Vanni, osannato fuoriclasse suo malgrado, l'unica speranza di sopravvivenza è rapportarsi in modo ingegnoso al cinico mondo del calcio.  Visco il sensibile inventa soluzioni per sopportare la propria inadeguatezza. La medicina è proprio nella forza della sua mente, nella sua clandestina biblioteca mentale. Il ritmato bisbiglio di prediletti brani letterari è un'energia quasi fisica che lo protegge da un'esistenza di cui non si sente minimamente artefice, da bruciare sui campi di calcio e nel suo tormentato rapporto con le donne.

Ultima di campionato, un romanzo di Francesco Abate


Premessa Alzi la mano chi non ricorda con gioia un suo ultimo giorno di scuola!!! Magari soltanto uno particolare. Come studente io ne ricordo diversi. Tutti sono ammantati da un velo di malinconia. In fondo a scuola ci stavo bene. I maestri (ma un anno ho avuto anche una maestra, in quarta elementare, si chiamava maestra Soro) mi volevano bene. I miei ricordi di scuola più lontani son legati a cinque colori. [...]

Memorie di scuola, ricordi di uno scolaro senza tempo. Di ...



Sergio Atzeni, scritti messi in voce, spettacoli di teatro, narrazione e teatro/concerto, sulle e dalle opere di Sergio Atzeni. Scrittore e poeta. Sergio Atzeni. (1952/1995) è giunto alla notorietà attraverso un apprendistato intenso e variamente articolato. Una precoce vocazione alla scrittura lo aveva spinto, ancora giovanissimo, verso l’attività giornalistica, inizialmente praticata a tutto campo (si era occupato di cronaca, di sport, di attività politica e sindacale) e progressivamente orientata verso il reportage culturale e la recensione libraria. Rileggendo i suoi articoli, che costituiscono il naturale retroterra della successiva attività di narratore, abbiamo modo di cogliere una vastità di interessi, uno sguardo curioso che si spinge nella direzione delle letterature (italiana, in primo luogo, ma anche nord e sudamericana, tedesca, francese, spagnola, con incursioni nell’ambito della classicità greca e latina), del cinema, del fumetto, della musica, degli studi antropologici e linguistici. Un lettore attento troverà traccia consistente di queste esperienze nella filigrana delle opere che cominciò a pubblicare dalla metà degli anni Settanta.

Sergio Atzeni, scrittore e poeta. Scritti in voce, teatro e ...


[...] Sulle prime lo si credette uno di quei merciai ambulanti che, durante la stagione balneare, percorrono le spiagge affollate, carichi di robe per lo più di lana che accrescono il sudore solo a vederle: e quindi lo si lasciò penetrare volentieri nel recinto, con la speranza di ripescare dai suoi involti un po' di calore estivo. Era giovane ancora, alto, dritto nonostante il suo pesante fardello: vestito decentemente di panno scuro, con un cappelluccio nero calcato sopra le grandi orecchie rosse, aveva, nel viso abbronzato e accigliato, due vividi occhi verdognoli che parevano di diaspro. E furono forse questi occhi i primi a rivelare la sua personalità, mentre egli si avanzava nel vialetto d'ingresso, e gli alberi lasciavano cadere intorno a lui le loro foglie gialle, quasi per salutare il suo passaggio. Sì, dovevano venire da un bosco fitto e sempre verde, quegli occhi acuti e animaleschi, abituati a scrutare i recessi più ombrosi ed a scovare da lontano gli oggetti nascosti. [...]

Lo stracciaiolo del bosco. Un racconto di Grazia Deledda



Interviste possibili con Alessandra Atzori, soprano, diplomata in canto al conservatorio di musica, ha cantanto per quasi 34 anni al Teatro Lirico di Cagliari. Adesso si è dedicata all’insegnamento del canto classico e moderno presso l’accademia Vi.U.Music Academy di Cagliari. Organizza eventi e spettacoli soprattutto nell’ambito del sociale in forma di volontariato. Da 11 anni è titolare di due blog : uno dedicato alla musica e all’arte in generale: Musicamore. Il sito in forma diaristica, è stato il primo a raccontare la vita dei teatri lirici in Italia con decine di interviste e video interviste a direttori d’orchestra, cantanti e musicisti, costumisti ecc. L’altro blog , dedicato alla città di Cagliari si chiama La Cagliaritana ed ha lo scopo della conservazione e della ricerca della memoria attraverso foto di ieri e di oggi, e videointerviste a cittadini comuni E’ ricercatrice di memoria per il sito internazionale Memoro.

Interviste Possibili con Alessandra Atzori, cantante soprano e ricercatrice di ...


Interviste possibili con Alessandra Atzori, soprano, diplomata in canto al conservatorio di musica, ha cantanto per quasi 34 anni al Teatro Lirico di Cagliari. Adesso si è dedicata all’insegnamento del canto classico e moderno presso l’accademia Vi.U.Music Academy di Cagliari. Organizza eventi e spettacoli soprattutto nell’ambito del sociale in forma di volontariato. Da 11 anni è titolare di due blog : uno dedicato alla musica e all’arte in generale: Musicamore. Il sito in forma diaristica, è stato il primo a raccontare la vita dei teatri lirici in Italia con decine di interviste e video interviste a direttori d’orchestra, cantanti e musicisti, costumisti ecc. L’altro blog , dedicato alla città di Cagliari si chiama La Cagliaritana ed ha lo scopo della conservazione e della ricerca della memoria attraverso foto di ieri e di oggi, e videointerviste a cittadini comuni E’ ricercatrice di memoria per il sito internazionale Memoro.

Interviste Possibili con Alessandra Atzori, cantante soprano e ricercatrice di ...



Interviste possibili con Alessandra Atzori, soprano, diplomata in canto al conservatorio di musica, ha cantanto per quasi 34 anni al Teatro Lirico di Cagliari. Adesso si è dedicata all’insegnamento del canto classico e moderno presso l’accademia Vi.U.Music Academy di Cagliari. Organizza eventi e spettacoli soprattutto nell’ambito del sociale in forma di volontariato. Da 11 anni è titolare di due blog : uno dedicato alla musica e all’arte in generale: Musicamore. Il sito in forma diaristica, è stato il primo a raccontare la vita dei teatri lirici in Italia con decine di interviste e video interviste a direttori d’orchestra, cantanti e musicisti, costumisti ecc. L’altro blog , dedicato alla città di Cagliari si chiama La Cagliaritana ed ha lo scopo della conservazione e della ricerca della memoria attraverso foto di ieri e di oggi, e videointerviste a cittadini comuni E’ ricercatrice di memoria per il sito internazionale Memoro.

Interviste Possibili con Alessandra Atzori, cantante soprano e ricercatrice di ...


Interviste possibili con Gianni Filippini, giornalista e direttore editoriale del quotidiano L’Unione Sarda. Classe 1932. Cagliaritano da sempre. Un intellettuale con quasi centocinquanta libri divorati, media annuale. Un mancato magistrato o prefetto, divenuto giornalista per caso. A cura di Gaetano Marino

Interviste possibili con Gianni Filippini, un giornalista per caso e ...



Bellas Mariposas è una nuova leggenda sarda, di due ragazzine del melting pot umano di un quartiere popolare di Cagliari che in una giornata conoscono se stesse, e non solo. Il racconto Bellas Mariposas presta la sua lingua ibrida,"un italiano aggraziato da innesti di lingua sarda", come si legge nella prefazione al volume pubblicato da Sellerio, ad uno spettacolo-concerto fatto di parola/ritmo, parola/rumore, parola/suono. Cronache dal quartiere cagliaritano di "Santa Lamenera" che attraverso voce, musica e suono seguono il fluire initerrotto di una scrittura a ritmo di jazz.

Bellas Mariposas, di Sergio Atzeni – concerto da camera da ...


Ci sono le figure armate, lo stretto camminamento e le feritoie, il filo spinato e le scene tragiche dei soldati e della vita al fronte. Quel che mancava, nella trincea del “Parco artistico Gianni Argiolas” dedicata alla Brigata Sassari, erano l’ansia e la paura legate all’attesa dell’assalto imminente. Voci e affanni che soltanto personaggi reali potevano offrire per completare l’opera sulla guerra realizzata dal maestro Argiolas. Scenografia naturale e ideale per una rappresentazione teatrale, la trincea di “Isca sa folla” rappresentava un invito irresistibile per scrivere un dramma che evocasse, con il dialogo degli attori, il sacrificio di tanti soldati sardi caduti nella Prima guerra mondiale. “Trincea” è un testo breve. Un atto unico che ricorda l’assurdità dei conflitti. Di tutti i conflitti. Nella postazione del Parco uomini ignari del senso autentico della loro missione spiano il nemico da una feritoia. Osservano e aspettano. Aspettano e s’interrogano: . Prima di ogni battaglia i soldati bevevano. Cognac, in genere. Si stordivano per lanciarsi all’attacco con maggior coraggio. L’alternativa era convivere con la paura nel momento più duro e crudele della guerra: la corsa allo scoperto verso la trincea nemica. I personaggi del dramma aspettano ma sanno che l’ordine dell’assalto prima o poi arriverà. E temono che tra le prossime vittime, di una guerra che ha già mietuto tante vite di giovani soldati, potrebbero esserci anche loro. Pietro Picciau

Trincea, di Pietro Picciau




A cura di Gaetano Marino La sigla è dei TAC – Simon Balestrazzi: Leech, dall’album CD Splintered Rosanna Rossi (pittrice) sito web personale Nata nel 1937 a Cagliari dove vive e lavora. Compiuti gli studi presso L’istituto d’Arte Zileri di Roma rientra nell’isola nel 1958. Dopo le prime esperienze all’interno […]

Rosanna Rossi e le Interviste Possibili di QuartaRadio – parte ...



A cura di Gaetano Marino La sigla è dei TAC – Simon Balestrazzi: Leech, dall’album CD Splintered Rosanna Rossi (pittrice) sito web personale Nata nel 1937 a Cagliari dove vive e lavora. Compiuti gli studi presso L’istituto d’Arte Zileri di Roma rientra nell’isola nel 1958. Dopo le prime esperienze all’interno […]

Rosanna Rossi e le Interviste Possibili di QuartaRadio – parte ...








Storia e salvezza di alcuni fuggiaschi, che per scampare da guerre e violenze, nel 1258, trovano rifugio in un'isoletta dello stagno di Cagliari, Sardegna; dove si fingono lebbrosi.

Sulla faccia della terra, di Giulio Angioni – part.1