Per la sua creatura. Una novella di Grazia Deledda


Adattamento di Gaetano Marino. Messa in voce di Roberta Perra

Suonarono. Vera, che stava in cucina accomodandosi un cappello, o meglio guarnendo un cappello d’inverno con le piume ed il nastro d’un cappello d’estate, s’alzò in fretta in fretta, si tolse il grembiale ed andò ad aprire. Sulle prime, fra il buio dell’ingresso e quello della scala, non distinse bene se la lunga persona, che aveva suonato, fosse uomo o donna; poi udì una voce gutturale che chiedeva «La signora Vera?», vide un mantellone nero, una pellicciona nera, un cappellaccio nero tirato sugli occhi, un paio d’occhiali: le parve che la persona fosse un uomo vestito da donna ed ebbe paura. Ma subito sorrise fra sé. Un ladro? In casa sua c’era poco da rubare: non c’era neppure quella perla che si chiama la serva. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.