Morella. Un racconto di Edgar Allan Poe


Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

[…] E allora – allora, quando, meditando su pagine proibite, sentivo accendersi dentro di me uno spirito proibito, Morella posava la sua gelida mano sulla mia, e dalle ceneri di una filosofia morta riesumava sommesse, parole singolari, il cui strano significato si stampava a fuoco nella mia memoria. E allora, ora dopo ora, indugiavo al suo fianco, intento alla musica della sua voce, sinché alla fine la sua melodia non si incrinava di terrore e un’ombra mi cadeva sull’anima, ed io impallidivo, rabbrividendo dentro di me a quei toni ultraterreni. E così, all’improvviso, la gioia si estingueva nell’orrore, e ciò che era più bello diveniva il più laido. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.