Il padrone. Una novella di Grazia Deledda


Messa in voce di Gaetano Marino

Appena cominciava il freddo, verso gli ultimi di novembre, gli uomini più poveri del villaggio, quelli che non erano neppure servi, che non avevano grano da seminare, che non avevano neppure fuoco, si riunivano nella stanzetta d’ingresso della casupola ove Maria Franchisca faceva e vendeva a mitissimo prezzo un pane scuro mescolato di farina d’orzo e di frumento; e appoggiati al muro seduti per terra, dopo aver comprato e mangiato un pane, s’indugiavano fino a sera e neppure allora si decidevano ad andarsene. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.