Frammento di cronaca di Marco Leccio e della sua guerra sulla carta nel tempo della grande guerra europea. Una novella di Luigi Pirandello


Messa in voce di Gaetano Marino. Musiche di Simon Balestrazzi

Il 21 luglio rappresenta per la famiglia Leccio non l’anniversario soltanto della gloriosa battaglia garibaldina; non soltanto l’onomastico della figliuola maggiore; ma la stessa ragion d’essere della famiglia, che appunto dalla battaglia di Bezzecca ha tratto l’origine. A diciott’anni Marco Leccio prese parte alla campagna del Trentino con Defendente Leccio, suo padre, e con un certo Casimiro Sturzi, suo amico da fratello, coetaneo, orfano di padre e di madre. Perdette a Bezzecca, nella famosa carica alla bajonetta, il padre e l’amico. Non ebbe neanche il tempo di piangerli. All’amico, mentre gli spirava tra le braccia raccomandandogli la sorella Marianna che restava sola al mondo, promise che, se fosse scampato alla morte, la sorella l’avrebbe sposata lui. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.