20 luglio 1969, ha toccato la Luna, o no? di Gaetano Marino – dalle Memorie di un Pulcino di Latta


[…] Intanto, io e mio fratello ce ne stavamo su una grande duna di sale poco distante, come astronomi, insieme ad altri, e con la Luna lucidata dal Maestrale, il collo a pezzi per tentare di vedere pure noi dove si trovassero quelli… e nonna, di là, seduta all’aria fresca, in viaggio estivo di vacanza, che sbadigliava a parlare con la televisione: -bedda matre, figghiu miu, ma che vuoi dire che siamo diventati futurosi?
Poi si sentì dal microfono di Armstrong quella frase che ci commosse tutti e uno dei compari sgranò gli occhi.
-Cumpa’ che è questa cosa del piede piccolo piccolo, di Armestronghe, che minghia dice?
– Ma no cumpà, vuole dire che prima si fanno i passi piccoli piccoli per quelli grandi da fare dopo, quelli di tutti, insomma…
– Tutti… tutti chi? ci stanno pure i piccidriddi?
– Americani sono, chiddi i picciuoli ci l’hannu, pecciò dicono quello che ci pare. […]

dalle Memorie di un Pulcino di Latta, di e con Gaetano Marino

sostieni Quarta Radio con una libera donazione 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti su “20 luglio 1969, ha toccato la Luna, o no? di Gaetano Marino – dalle Memorie di un Pulcino di Latta