Tutt’e tre. Una novella di Luigi Pirandello.


Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino, sigla di Simon Balestrazzi

[…] Senza un mal di capo, quel massaro aveva accumulato cosí, in una ventina d’anni, una ricchezza sbardellata, di cui egli stesso non s’era mai saputo render conto con precisione, rimasto a vivere in campagna da contadino tra le sue bestie, coi cerchietti d’oro agli orecchi e vestito d’albagio come prima. Solo che s’era edificata una casa bella grande, accanto all’antica masseria; e in quella casa s’aggirava impacciato e come sperduto, la sera, quando veniva a raggiungere, dopo i lavori campestri, l’unica figliuola e una vecchia sorella piú zotiche di lui e cosí ignare o non curanti della loro fortuna, che ancora seguitavano a vender le uova delle innumerevoli galline, davanti al cancello, alle donnicciuole che si recavano poi coi panieri a rivenderle in città. […]

seguiciFacebookpinterestFacebookpinterestby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.