Sarra. Un racconto di Grazia Deledda


Adattamento di Gaetano Marino. Messa in voce di Francesco Nonnis

[…] Il padre e i fratelli – uomini rozzi e ubriaconi – s’erano fissati in mente che lei dovesse sposare Mattia, il pastore ricco, e la maltrattavano. Lei non poteva aprire bocca che subito non si sentisse minacciata di venire trascinata per i capelli: intorno a sé non vedeva che visi inferociti, occhi verdi d’ira, e non udiva che parole d’offesa. Bastava che comparisse lei perché tutti i suoi parenti prendessero l’aspetto di cani arrabbiati. Ma lei restava dura. Diceva: — Maltrattatemi pure, strappatemi i capelli, fatemi a pezzi: e l’ultimo pezzetto dirà no, no, e no. […]

seguiciFacebookpinterestFacebookpinterestby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 commenti su “Sarra. Un racconto di Grazia Deledda

  • giuseppe luigi nonnis

    Un racconto duro che mette a nudo la condizione della donna in anni certo lontani, ma ancora oggi non arrivati a un punto di non ritorno. La protagonista appare determinata, fiera anche nel pianto, libera nonostante tutto, coraggiosa. Gli uomini meschini, convinti di poter gestire legittimamente il destino di una donna. Sordida la loro alleanza nell’incapacità di comprendere l’ansia di libertà e di autodeterminazione di Sarra, la protagonista. Un racconto ricco di fascino e di dolore. Ottima e avvincente la lettura del bravissimo Francesco Nonnis.