Richiamo all’obbligo, una novella di Luigi Pirandello


Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino. sigla di Simon Balestrazzi

[…] Perché aveva la disgrazia, lui, d’essere «trasparente». Sicuro! E questa trasparenza sua riusciva esilarantissima a tutti gl’ipocriti foderati di menzogna. Pareva che la vista chiara, aperta, delle passioni, e fossero anche le piú tristi, le piú angosciose, avesse il potere di promuovere le risa in tutti coloro che o non le avevano mai provate o, usi com’erano a mascherarle, non le riconoscevano piú in un pover’uomo come lui, che aveva la sciagura di non saperle nascondere e dominare. Si rintanò in casa; si buttò vestito sul letto. Com’era pallida, com’era pallida quella poveretta, quand’egli le aveva recato l’involto delle paste! Cosí pallida e con quegli occhi smarriti nella pena, non era bella davvero. […]

seguiciFacebookpinterestFacebookpinterestby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.