La Madonna del topo. Un racconto di Grazia Deledda


Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

Non che fosse strampalato il pittore che dipinse questa Madonnina, ma, forse, lo ispirò un bizzarro grottesco spirito francescano, che lo spingeva ad amare tutte le bestie create. Il modello della Vergine era una sua bionda servetta, procuratagli da pochi giorni dal padrone di casa: una bimba quasi, con le lunghe trecce attorcigliate intorno alla testa, con la fronte d’avorio, grande, prominente, e i nerissimi occhi lunghi, pieni di languore e di sofferenza. Il resto del visetto scivolava giù con la bocca quasi invisibile e il mento giallino, non più grosso di una ciliegia acerba. Era triste, silenziosa, timida; e forse la sua morbosa paura dei topi aveva dato al pittore la prima idea del quadretto. […]

GLI ALTRI RACCONTI DI SOLE D'ESTATE
01 - BONACCIA
02 - CINQUANTA CENTESIMI
03 - LO SPIRITO DELLA MADRE
04 - LUNA DI SETTEMBRE
05 - UNA CREATURA PIANGE
06 - IL VESTITO NUOVO
07 - IL MOSCONE
08 - CACCIA ALL'UOMO
09 - OCCHI CELESTI
10 - SCHERZI DI PRIMAVERA
11 - LA MADONNA DEL TOPO
12 - L'OSPITE
13 - LEONE O FAINA
14 - I DIAVOLI NEL QUARTIERE
15 - NOZZE D'ORO
16 - LA TOMBA DELLA LEPRE
17 - STORIA DI UNA COPERTA
18 - L'ANELLO DI PLATINO
19 - ELZEVIRO D'URGENZA
20 - LO STRACCIAIOLO DEL BOSCO
21 - IL TAPPETO
22 - LA CHIESA NUOVA
23 - LA GRAZIA
24 - NUMERI
25 - THEROS
seguiciFacebookpinterestFacebookpinterestby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.