Il gioco del mondo, di Giulio Angioni – versione teatrale – parte 1 di 2


Sostieni Quarta Radio con una libera donazione 

gioco-del-mondo-400

Il gioco del mondo, di Giulio Angioni (versione teatrale)
con Lilli Fois, Roberta Perra e Caterina Scalas – drammaturgia di scena di Gaetno Marino
Elaborazione del suono a cura di Simon Balestrazzi – Suono di Gaetano Marino

Il gioco del mondo di Giulio Angioni
gioco-del-mondo-50prima parte
gioco-del-mondo-50la seconda parte

“Questi ricordi, devo lasciarli perdere di nuovo, perché già troppi li hanno ricordati a modo loro? Qui vedo chiaro che la mia fanciullezza è più vicina ai tempi dei nuraghi che a tempi come questi. E mi ci sento le vertigini. Ma è grazie agli artifici del ricordo che si riesce a sopportare ogni passato, e forse a non avere eccessi di paura del futuro. Ma non sarà che rimane memoria solo di ciò che lo voleva diventare, ci aspirava da sé, per conto suo, a essere memoria?”.
Sono le ultime pagine de “Il gioco del mondo”, raccolta di racconti brevi dello scrittore Giulio Angioni (edizioni Il Maestrale) e ultima produzione teatrale dell’Isolateatro. Dopo Sergio Atzeni e gli adattamenti di “Bakunìn” e “Bellas Mariposas”, il regista Gaetano Marino, con le attrici Lilli Fois, Roberta Perra e Caterina Scalas e il musicista Simon Balestrazzi, scelgono di proseguire il progetto di ricerca su “La lingua dei suoni indiscreti” con un altro autore sardo. E a “Scòncert”, tratto da “Lune di stagno” e altri racconti inediti di Angioni, andato in scena nel ’99, si affianca ora “Il gioco del mondo”. Nel “rumore della luna” rivivono i personaggi di Fraus: c’è Maria Desolazione, specialista nell’arte del dolore e Costanza Cosiculus, “devota, bigotta e zitellona” e “tzia Annetta Zrupa” che con le uova curava i malanni. Li rievocano tre figure femminili, tre prefiche intente a celebrare un funerale dei ricordi. “Racimolare un gruzzolo di immagini, e ricomporle qui, caleidoscopiche”, scrive Angioni. Sulla scena, in mezzo al pubblico, si aggirano fantasmi di un mondo “durato millenni, terminato di colpo ieri sera”. I mormorii si rincorrono nel racconto delle attrici. Maria Gobbetta, Sirollo, Lico Lico e tanti altri, ognuno viene rievocato con un aneddoto, un episodio o un ruolo scolpiti nel brusio del paese. Voci disegnate nel silenzio e voci che si mescolano alle musiche di James McMillan elaborate da Simon Balestrazzi. Sussurri e grida di un mondo che non c’è più.

 CON e PER GIULIO ANGIONI
i nostri lavori
interpreti
romanzoSulla faccia della terravoce di Gaetano Marino
poesiaPoliticavoce di Gaetano Marino
poesiaPasqua di ventovoce di Gaetano Marino
IntervistaIntervista Possibile con Giulio AngioniGaetano Marino intervista Giulio Angioni
raccontoLune di Stagnovoce di Francesco Nonnis
raccontoIl marevoce di Gaetano Marino
raccontoA fuoco dentrovoce di Gaetano Marino
teatroIl gioco del mondocon Lilli Fois, Roberta Perra e Caterina Scalas
racconto
romanzo
Baieddu, dal romanzo Doppio Cielovoce di Gaetano Marino
poesia
prosa
E racconteremo, all'amico di Frausdi e con Gaetano Marino

Sostieni Quarta Radio con una libera donazione 

seguiciFacebookpinterestFacebookpinterestby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *